Lost Goddesses

A kaleidoscope on porn

(Routledge, 2017)

______________________________

Intervista all’autore

Giorgio Tricarico

 

 

Il porno in internet è diventato uno dei più floridi business al mondo, fondato sulla presenza in rete di decine di migliaia di pagine che ricevono milioni di visualizzazioni ogni giorno. Di conseguenza, pubblicazioni e saggi sull’argomento sono aumentati esponenzialmente e molti sono gli autori che hanno cercato di illuminare vari aspetti di questo fenomeno, da un punto di vista clinico e psicoanalitico, come anche da prospettive filosofiche o sociologiche.

Anche nel contesto allargato del crescente numero di pubblicazioni sul tema, il libro di Giorgio Tricarico, Lost Goddesses, si pone in una posizione raramente occupata da altri autori: quella di considerare il fenomeno del porno di massa un simbolo complesso della nostra epoca, emerso in uno specifico momento della storia della coscienza umana.

Nella video-intervista che pubblichiamo, curata da Fabrizio Alfani, Giorgio Tricarico illustra la prospettiva dalla quale affronta il tema del porno di massa e gli argomenti trattati nel libro.

Giorgio Tricarico è psicologo, psicoterapeuta, analista junghiano. Originario di Milano, ha svolto la sua formazione analitica presso il CIPA. Dal 2009 si è trasferito in Finlandia, a Helsinki, dove vive e lavora. È membro della IAAP (International Association for Analytical Psychology) e del FEGAP (Finnish-Estonian Group for Analytical Psychology).
Le sue aree principali di interesse sono i fattori terapeutici in analisi, la critica radicale alla società della Tecnica, la revisione dei concetti junghiani alla luce del fenminismo, e il processo di individuazione nel terzo millennio.
È autore di The Labyrinth of Possibility: a Therapeutic Factor in the Analytical Practice (pubblicato in Italia da Moretti&Vitali, con il titolo di Daídalon: l’archetipo della possibilitá) e di Lost Goddesses: a Kaleidoscope on Porn, entrambi pubblicati da Routlegde.

Torna su